Una vergogna targata ARST

L’Arst è una delle società partecipate della Regione. Al pari di Abbanoa, Sfirs, le società di gestione degli aeroporti e consorzi vari, molti dei quali in fase di liquidazione. Ma torniamo all’azienda che gestisce il trasporto di persone e bagagli nell’Isola. Il patrimonio dell’ente è piuttosto consistente, come altrettanto consistente è il debito che ha accumulato in questi anni. Basta fare una piccola verifica dei bilanci. Il servizio che offre non è certo esaltante. Anche in questo caso, è sufficiente effettuare una ricerca sulla stampa regionale, per scoprire che le lamentele, le contestazioni, le denunce e le polemiche si verificano in ogni parte della Sardegna. Disservizi ovunque: dalla scarsa qualità dei mezzi, ai ritardi sulle tabelle di marcia; dai costi dei biglietti in continuo aumento, ai guasti meccanici frequenti. Per non parlare, in qualche caso, degli atteggiamenti indisponenti del personale di servizio. Chi si affida a questo sistema dei trasporti pubblici regionale affronta un’odissea. E non è un caso se martedì scorso, nell’ambito di un’operazione della Polizia Stradale di Nuoro, denominata “Alto impatto”, sono state rilevate diverse irregolarità su pullman appartenenti anche e sopratutto alla flotta Arst. Irregolarità che hanno riguardato le cinture di sicurezza, le cassette di pronto soccorso, gli estintori e il cronotachigrafo. Eppure, a guidare questo gigantesco ente pubblico, che registra un fatturato di circa 115 milioni di euro e dispone di oltre 2000 dipendenti, siede un signorino che intasca 168.603,00 euro all’anno. Di che cosa si occupa per guadagnare tanto? Di gestire disagi e malcontento?

g.f.

1 pensiero su “Una vergogna targata ARST

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.