Eppur si muove…

Due belle notizie per l’economia regionale. Nel primo provvedimento legislativo della XVI consiliatura, il Consiglio Regionale ha approvato la proroga dell’attuazione del “Piano Casa”. Un’estensione di questa importante iniziativa di altri sei mesi. Utile sia per colmare un pericoloso vuoto normativo, sia per dare certezze a professionisti ed imprese. La vera sfida è rinviata: le parti politiche si affronteranno sulla stesura della nuova legge urbanistica. Una materia complessa, ma, allo stesso tempo, fondamentale per il futuro della nostra Isola. L’attuale maggioranza, al riguardo, sembra avere le idee chiare. Sarà uno dei provvedimenti più attesi dal sistema economico regionale. Probabilmente determinante per stabilire il gradimento dei sardi sulla coalizione che governa la Regione. L’altra notizia rilevante riguarda il Gruppo Orsero, leader nell’Europa mediterranea per l’importazione e la distribuzione dei prodotti dell’ortofrutta. Gruppo che ogni anno distribuisce oltre 700 mila tonnellate di merci, con un fatturato consolidato di circa 940 milioni di euro. Da ieri è operativo a Cagliari il nuovo impianto dedicato alla preparazione di prodotti di IV gamma, costituita dalla frutta tagliata, porzionata e pronta da mangiare. Per questa struttura è previsto l’inserimento da 15 a 40 addetti, in funzione dei picchi stagionali di attività per la gestione dell’aumento della produzione. “Secondo statistiche Nielsen – ha affermato Raffaella Orsero, CEO di Orsero S.p.A. – la IV gamma ha fatto registrare negli ultimi 10 anni una crescita importante, fino a quasi il 400%. Questi numeri testimoniano la bontà delle scelte strategiche effettuate dal Gruppo Orsero che, con questa nuova apertura, punta a crescere ed affermarsi in questo specifico settore, continuando ad investire in Sardegna, una regione a forte vocazione turistica estiva e quindi perfettamente in linea con il consumo di frutta tagliata”. Una boccata d’ossigeno, dunque, per l’asfittica economia regionale. Le premesse per una nuova stagione di speranze ci sono tutte. Per la nostra Isola può essere la svolta.

g.f.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.