Paesaggio sardo a marchio Unesco

L’idea è avvincente, oltre che suggestiva: dichiarare l’intero territorio regionale Paesaggio Unesco. L’iniziativa è partita dal gruppo politico dei Riformatori e quasi la metà dei comuni sardi hanno approvato la proposta. L’eventuale riconoscimento, da parte dell’organismo mondiale, legittimerebbe la nostra Isola ad essere definita un vero e proprio museo aperto. Anche se di fatto lo è già. Un patrimonio storico e culturale che può contare su 3500 Domus de Janas, interi campi e isolati Menhir, necropoli scavate nella roccia viva. Oltre a circa 10mila torri nuragiche, semplici o complesse, Tombe dei Giganti, di cui rimangono circa un migliaio di siti riconoscibili, sacrari federali e una rete di pozzi, fonti e opere idrauliche. I comuni, almeno nella maggior parte dei casi, sono i custodi di questo immenso tesoro. Che deve diventare, per la sua storia unica ed antichissima, patrimonio dell’umanità. All’Unesco l’ultima parola.

g.f.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.