Strade e rifiuti

Puntuale come le zecche d’estate, si ripropone il problema dei rifiuti abbandonati lungo le strade. O meglio, si ripresentano gli automobilisti maleducati che non hanno rispetto per il territorio e per l’ambiente. Questo triste fenomeno si verifica soprattutto d’estate. Ergo, è evidente che si tratta di un’abitudine dei vacanzieri. Siano essi continentali o sardi occasionali. Propendo per la prima ipotesi. D’estate la popolazione aumenta considerevolmente e la produzione di mondezza, di conseguenza, anche. Se a ciò si aggiunge che, con l’introduzione della differenziata un po’ ovunque, non si trova un cassonetto manco a pagarlo, il problema diventa contingente. Che fare? I comuni non possono certo intervenire lungo le strade statali. Le ormai residuali province potrebbero vigilare sulle arterie di propria competenza. Ma sulla grande e media viabilità, l’Anas che dice al riguardo? Niente. Ogni tanto, su pressioni dei sindaci, danno una ripulita a piazzuole e cunette. Ma non basta. Perché l’emergenza si verifica regolarmente. La soluzione non è dietro l’angolo. Anche perché il malcostume che caratterizza questo fenomeno è in capo ai cittadini-vacanzieri. E, allora, più sanzioni e più controlli. Anche con le telecamere, se necessario. Finché questa brutta abitudine non verrà sconfitta. Bisogna provarci. Ne va della nostra salute.

g.f.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.