Matsuhisa Nobu e il Cala di Volpe

Per la seconda stagione al ristorante “Matsuhisa Cala di Volpe” una bella conferma. Nobu Matsuhisa, chef di fama mondiale, simbolo dell’evoluzione compiuta della cucina giapponese, ha scelto ancora una volta l’hotel Cala di Volpe, che Marriott Costa Smeralda gestisce per conto della proprietà di Qatar Holding, come regno della cucina giapponese in Sardegna. L’unico ristorante in Italia della catena del cuoco nipponico, il quale vanta locali in tutto il mondo. “La storia del mio primo ristorante è molto simile a quella del Cala di Volpe – ha raccontato nei giorni scorsi Nobu -. Dal 1987 si sono alternate diverse generazioni che vengono per i miei piatti, ma anche per condividere un’esperienza. Per la cucina di qualità è fondamentale la genuinità del prodotto, per questo nei nostri menù stiamo introducendo più cibi sardi, per portare il concetto di Nobu sul territorio”. Prodotti buoni, metodo semplice, energia che deriva dal cibo. Sono i principi alla base della filosofia di Matsuhisa Nobu, che rappresenta parte integrante anche del modello “Matsuhisa al Cala di Volpe”. “Molti clienti vengono al Cala di Volpe per provare l’esperienza di Matsuhisa, unico ristorante del noto chef giapponese in Italia – ha evidenziato Franco Mulas, Area Manager Marriott Costa Smeralda -. Siamo onorati e felici di un simile riconoscimento”. “Tutti i miei ristoranti utilizzano ingredienti locali, ma qui in Costa Smeralda ho fatto un’interessante scoperta – ha proseguito lo chef giapponese -. L’immagine che avevo in mente era quella di una cucina locale basata soprattutto sul pesce, mentre mi hanno rivelato come in Sardegna sia importante anche la carne: dal porcetto all’agnello, la salsiccia, il pollo e altri salumi. Poi utilizziamo le verdure di stagione coltivate nell’orto del Cala di Volpe”. Il concetto è quello di cucina giapponese e “Nobu style”. Uno stile originale che nasce dalla vita di questo straordinario chef, il quale ha coltivato, fin dall’infanzia, il sogno di diventare un maestro della cucina. “Per me il cibo è sinonimo di felicità, deve fare felici le persone – ha dichiarato con soddisfazione Matsuhisa Nobu -. Ho iniziato a lavorare nei ristoranti, senza entrare in cucina per tre anni. Ho saputo coltivare la pazienza e apprezzare la cultura del lavoro”. Da lì è nato il mito di Nobu, con una forte motivazione e la cultura del lavoro di squadra. Elementi unici che potrebbero farne un ambasciatore del cibo sardo nel mondo. “Una mia missione potrebbe essere quella di introdurre sempre di più la carne sarda nei miei menù – ha sottolineato lo chef giapponese -. Vorrei fondere il mio concetto di cucina con i cibi della tradizione sarda”. Nobu riconosce alla Sardegna potenzialità straordinarie. “Ho deciso di trascorrere molto più tempo nell’Isola, per conoscere meglio questa terra e i suoi tanti prodotti di eccellenza. Per me diventare ambasciatore di un territorio significa fare qualcosa per promuovere quella destinazione”. L’esempio è il Perù, dove Matsuhisa Nobu vi giunse 40 anni fa. Un pesce povero come l’anguilla di mare, dopo che entrò ufficialmente nei suoi menù, si è trasformata in una delle qualità di pesce più esportate nel mondo. Provare per credere.

g.f.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.