Le nuove sfide di Portale Sardegna

Portale Sardegna lancia un nuovo progetto turistico. Di fatto, una proposta originale, che potrebbe rivoluzionare il sistema turistico regionale. Il tour operator nuorese, che, com’è noto è quotato in borsa, ha creato dei veri e propri presìdi territoriali, sotto l’egida di “Portale Sardegna Point”. A ciascuno di questi point, al momento trenta, è stata assegnata una figura professionale, chiamata “Local expert”, che si occperà dell’assistenza. L’obiettivo del programma? Unire in un’unica rete extralberghiero, esperienze culturali ed enogastronomia. Turisti, proprietari di appartamenti, B&b, operatori commerciali, promotori di esperienze ricreative, culturali ed enogastronomiche sotto lo stesso tetto. “L’iniziativa – ha dichiarato l’amministratore delegato Massimiliano Cossu – è funzionale alla nostra visione di sviluppo economico della Sardegna: stiamo collocando 30 imprenditori pronti a dare supporto ai proprietari di appartamenti e alle aziende artigianali, per offrire il meglio del nostro territorio ai viaggiatori nell’Isola. L’obiettivo per il 2020 è quello di ampliare il progetto portando a 50 il numero dei Sardinia Local Expert e successivamente estendere il modello anche ad altre regioni italiane”. Un modo davvero intelligente di unire la Sardegna e, nel contempo, di garantire una nuova offerta turistica. Grasso che cola…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.