Radoff

Domenico Cassitta è un giovane ingegnere di Calangianus. Ma, forse, è più uno scienziato. La sua è una storia di durissimi studi e rigorose ricerche. Per certi versi anche commovente. Si impressiona per la morte di un suo parente, colpito da un inesorabile cancro ai polmoni. Scopre che il Radon è causa di tanti tumori. Questo gas radioattivo, incolore e inodore, è considerato la seconda causa di morte per tumore al polmone dopo il fumo di sigaretta (con oltre 3mila decessi/anno solo in Italia). Il Radon è presente in forti e rischiose concentrazioni  nel suolo ed in altri materiali inerti. Decide di combatterlo. Insieme con altri suoi colleghi studiosi, crea una società, la Radoff, con sedi a Bologna e Calangianus. Dopo anni di ricerca, ha messo a punto il primo ed unico dispositivo al mondo per il monitoraggio e la bonifica del gas Radon in ambiente indoor. Oggi, grazie anche a vari riconoscimenti internazionali, sulla Radoff ha messo gli occhi una società di diritto inglese. Un fondo britannico è pronto ad assumere il controllo di questa “startup” innovativa sarda. Una notizia straordinaria. E’ il risultato di tanto lavoro, di infinita passione e di costante impegno profusi in questi anni. Anche questa è Sardegna.

g.f.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.