Tutti contro tutti

Coronavirus. L’angoscia e il tormento la fanno da padroni. Recentemente, avevo stigmatizzato il rischio di uno scontro, tutto politico, sulle norme che avrebbero scandito questo periodo. Una sovrapposizione di poteri, decreti, ordinanze, regole, da far impallidire i più ortodossi fra i democratici. Il continuo ricorso a strumenti legislativi, seppur legittimi, non fa che aumentare la confusione fra la popolazione. La conseguenza fisiologica è che ogni regione-stato, ogni provincia-stato, ogni comune-stato, legifera (?) da se’. Una rapida scorsa alla rassegna stampa quotidiana delinea, esattamente, gli scontri istituzionali in atto. Questa situazione non fa che indebolire la credibilità del nostro Stato. L’unità più volte auspicata vacilla, a causa dell’ossessione personalistica di chi, al contrario, dovrebbe garantire nirvana e stabilità sociale fra tutte le comunità. Il protagonismo esasperato non aiuta a superare questa fase epocale della nostra esistenza. Occorrono regole certe ed univoche. Ne abbiamo bisogno.

g.f.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.