Martiri senza altari

Il prof. Marco Spissu, chirurgo del Policlinico Sassarese, è l’ultima vittima sarda del Coronavirus. Un altro medico della nostra terra che se ne va. Il reparto di Terapia Intensiva dell’ospedale di Sassari non lo ha salvato. Il bilancio dei sanitari deceduti in Italia registra 121 medici, 30 infermieri, decine di oss. Oltre 10.000 operatori del settore contagiati. Si tratta di numeri elevati. La domanda sorge spontanea: cos’ha favorito il contagio degli operatori  negli ospedali e sul territorio? Le cause principali sono almeno due. La prima riguarda la tardiva attivazione delle misure di contenimento e l’impreparazione, anche per problemi  strutturali, negli ospedali. Il secondo motivo è ascrivibile alla carenza, o mancanza in  alcuni casi e inadeguatezza in altri, dei dispositivi di protezione  (maschere Ffp2 e 3, occhiali o visiere, sovracamici, tute, guanti,  calzari, copricapo). Il risultato è sotto gli occhi di tutti. Che il personale sanitario sta pagando a prezzi altissimi.

g.f.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.