100 anni di corse

L’ippodromo “Don Deodato Meloni” di Chilivani-Ozieri ha compiuto 100 anni di vita. Questo importante e prestigioso traguardo verrà celebrato in forma solenne giovedì 30 dicembre. Una lunga attività, inaugurata nel 1921 alla presenza del re Vittorio Emanuele III. Una storia che, nel corso dei decenni, ha entusiasmato migliaia di sardi e di allevatori di cavalli, nel rispetto della migliore tradizione ippica regionale. L’ippodromo fu ideato, infatti, al fine di valorizzare e migliorare la selezione della razza equina sarda, attraverso l’organizzazione di corse annuali. Oggi lo scenario è ovviamente mutato: la struttura che ospita le riunioni è moderna e capiente. La pista, in erba naturale, è considerata fra le migliori d’Italia. Le manifestazioni sono entrate, da alcuni anni, nei circuiti internazionali. Il numero degli addetti ai lavori e degli appassionati è sempre in crescita, anche perché la storia del cavallo è strettamente connessa alla cultura sarda fin dalla notte dei tempi. L’attuale amministratore dell’ippodromo, Nicola Fois, anch’egli allevatore di puledri da generazioni, ha restituito dinamicità e rinnovato interesse pur nella consapevolezza che il comparto è in crisi di finanziamenti. Lo Stato non garantisce più le risorse necessarie e l’attuale società di gestione si affida ai soli contributi regionali. Ma la passione non è scemata e il “Don Deodato Meloni” ospiterà ancora per molti anni le riunioni al galoppo più importanti della Sardegna. Almeno, questo è il miglior auspicio per celebrare il centenario della sua attività.

g.f.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.