60 anni di Costa

Il 14 marzo del 1962 il principe Karim Aga Khan, allora 25enne Imam degli ismailiti nizariti, con altri cinque soci fondatori, creò il Consorzio Costa Smeralda. Una scommessa imprenditoriale che ancora oggi, nonostante la crisi, resiste e rimane un punto di riferimento per il turismo internazionale. La Sardegna ha dato, ma deve anche molto all’Aga Khan, che non si limitò a costruire alberghi. A lui si devono la realizzazione dell’aeroporto di Olbia e della prima compagnia aerea sarda, e di tutta una serie di infrastrutture che hanno reso un territorio spoglio, arido e desolante in una meta conosciuta nel mondo. Lui, ismailita, realizzò una chiesa cattolica nel cuore del Consorzio, la Stella Maris a Porto Cervo, tutt’ora regolarmente frequentata. Ha sempre creduto nel suo progetto, rinnovandolo ed adeguandolo ai fisiologici cambiamenti sociali, demografici, tecnologici e ambientali. Voleva investire ancora in quei luoghi straordinari e unici, ma la classe dirigente sarda non gli ha creduto. Oggi, questo gioiello perfettamente preservato, è in mano al Qatar. Ma non è la stessa cosa.

g.f.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.