La bandiera sarda

Quanti sardi conoscono la nascita della bandiera con i quattro mori, che orgogliosamente sventoliamo ad ogni occasione? Difficile saperlo. E ancora più difficile stabilirne proprio l’origine e la storia. Il prof. Francesco Cesare Casula, autentica icona della storia sarda, prova a farlo con un nuovo testo dedicato, che tenta di mettere ordine alle varie teorie sulla genesi del vessillo. Le ipotesi, rigorosamente argomentate, possono piacere o meno, senza nulla togliere al valore storico ed affettivo della bandiera per noi sardi. L’occasione del testo del prof. Casula, però, ci serve anche per affermare l’identità della Nazione Sarda. Bandiera e nazione, infatti, vanno di pari passo ed il racconto dell’esimio storico ci porta a ripercorrere la storia del Regno di Sardegna, ed a ricordare che dal 1324 al 1847 tutta l’Italia era Sardegna e che tutti gli italiani erano sardi. Questo è ampiamente documentato ed acclarato. Permangono alcune incertezze sulla bandiera: bende sugli occhi o senza? Teste voltate a sinistra o a destra? Quattro diversi mori inquartati o rappresentazione di un unico moro? La nostra bandiera è tutto questo e nel corso dei secoli ha subito tante trasformazioni, ma questo simbolo, che sentiamo come impresso nel cuore, è diventato l’anima ed il corpo di ogni sardo.

g.f.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.